TUTTI A ROMA!

Pubblicato il 7 novembre 2008 | Autore: | Categoria: Primo Piano

Il 14 novembre, in occasione dello sciopero generale dell’Università, l’Udu L’Aquila organizza gli autobus per partecipare alla giornata di mobilitazione contro la legge 133 che si terrà a Roma.
La partenza è fissata per le ore 7:00 alla Fontana Luminosa.
Per informazioni e prenotazioni, chiama i seguenti numeri

Medicina3288756496
Francesco D’Alessandro 3383246477

Scienze e Biotecnologie
Michele Di Biase 3293224527

Lettere
Chiara Carulli 3298451311

Sc. Motorie3392614897

Sc. Formazione
Carmela Tomassetti 3206290650

Ingegneria
Elvezio Zunica 3486940519

Economia
Armando Coia 3487149335

3 commenti
Lascia un commento »

  1. E’ giusto che tutti sappiano che merde abbiamo in politica!Oltre che per i tagli all’università, protesterei anche per quelli alla sanità in un momento in cui Andreotti cade in estasi come santa Teresa in tv e Cossiga delira come un arteriosclerotico!

    I “CONSIGLI” ANTIMANIFESTAZIONE DI FRANCESCO COSSIGA
    da leggimi.eu

    Il Presidente emerito della Repubblica scrive al Capo della Polizia Manganelli per dargli i suoi ‘consigli’ su come affrontare le manifestazioni di piazza:
    “Gli studenti piu’ grandi, anche se in qualche caso facendosi scudo con i bambini, hanno cominciato a sfidare le forze di polizia, a lanciare bombe carta e bottiglie contro di esse e a tentare occupazioni di infrastrutture pubbliche, e ovviamente, ma non saggiamente, le forze di polizia hanno reagito con cariche d’alleggerimento, usando anche gli sfollagente e ferendo qualche manifestante. E’ stato, mi creda! un grande errore strategico. Io ritengo che, data anche la posizione dell’opposizione ( non abbiamo piu’ il Partito Comunista e il ferreo servizio d’ordine della CGIL), queste manifestazioni aumenteranno nel numero, in gravita’ e nel consenso dell’opposizione. Un’efficace politica dell’ordine pubblico deve basarsi su un vasto consenso popolare, e il consenso si forma sulla paura, non verso le forze di polizia, ma verso i manifestanti. A mio avviso, dato che un lancio di bottiglie contro le forze di polizia, insulti rivolti a poliziotti e carabinieri, a loro madri, figlie e sorelle, l’occupazione di stazioni ferroviarie, qualche automobile bruciata non e’ cosa poi tanto grave, il mio consiglio e’ che in attesa di tempi peggiori, che certamente verranno, Lei disponga che al minimo cenno di violenze di questo tipo, le forze di polizia si ritirino, in modo che qualche commerciante, qualche proprietario di automobili, e anche qualche passante, meglio se donna, vecchio o bambino, siano danneggiati, se fosse possibile la sede dell’arcivescovo di Milano, qualche sede della Caritas o di Pax Christi, da queste manifestazioni,e cresca nella gente comune la paura dei manifestanti e con la paura l’odio verso di essi e i loro mandanti o chi da qualche loft o da qualche redazione, ad esempio quella de L’Unita’, li sorregge.
    L’ideale sarebbe che di queste manifestazioni fosse vittima un passante, meglio come ho gia’ detto un vecchio, una donna o un bambino, rimanendo ferito da qualche colpo di arma da fuoco sparato dai dimostranti: basterebbe una ferita lieve, ma meglio sarebbe se fosse grave, ma senza pericolo per la vita. Io aspetterei ancora un po’, adottando straordinarie misure di protezione nei confronti delle sedi di organizzazioni di sinistra. E solo dopo che la situazione si aggravasse e colonne di studenti con militanti dei centri sociali, al canto di “Bella ciao”, devastassero strade, negozi, infrastrutture pubbliche e aggredissero forze di polizia in tenuta ordinaria e non antisommossa e ferissero qualcuno di loro, anche uddicendendolo, farei intervenire massicciamente e pesantemente le forze dell’ordine contro i manifestanti, ma senza arrestare nessuno. E il comunicato del Viminale dovrebbe dire che si e’ intervenuto contro manifestazioni violente del Blocco Studentesco,di Casa Pound e di altri manifestanti di estrema destra, compresi gruppi di naziskin che manifestavano al grido di “Hitler! Hitler!”. Questo il mio consiglio. Cordialmente Francesco Cossiga.”

    E’ giusto che tutti sappiano che merde abbiamo in politica!Oltre che per i tagli all’università protesterei anche per quelli alla sanità in un momento in cui Andreotti cade in estasi come santa Teresa in tv e Cossiga delira come un arteriosclerotico!

  2. ragazzi se potete inviate questo link a tutti i vostri amici italiani che studiano all’ estero è importante: http://www.erano133.blogspot.com