Udu: per gli studenti niente alloggi, solo propaganda!‏

Pubblicato il 21 agosto 2009 | Autore: | Categoria: Primo Piano

E’ trascorso un mese esatto dalla pomposa conferenza stampa convocata dal Vice Presidente del Consiglio Regionale Giorgio de Matteis, alla presenza del Rettore Ferdinando di Orio, dei Presidi delle nove Facoltà e dei Sindaci del circondario aquilano, in cui si annunciava la disponibilità di circa mille alloggi per gli universitari.

L’Udu dell’Aquila, per aiutare gli studenti nella complicatissima ricerca di un alloggio, ha contattato i comuni limitrofi oggetto della suddetta conferenza stampa per verificare tale disponibilità. Ad oggi i risultati di questa “ricerca” lasciano pochi dubbi:

  • Pizzoli, Tornimparte, Scoppito, Rocca di Mezzo, Lucoli: nessun posto letto disponibile;
  • Cagnano Amiterno: cinque stanze da ultimare;
  • Capitignano: il comune non sa nulla, dicono di chiamare l’assessore competente;
  • Barete, Montereale: il comune non sa nulla, ci hanno detto di contattare i sindaci, che nn ci hanno risposto.

Inutile dire che si è ben lontani dalla disponibilità di mille posti dichiarata dal Vice Presidente De Matteis.

E’ notizia del 21 agosto scorso che 4000 studenti, richiedendo un alloggio, hanno dimostrato di voler rimanere all’Aquila. Questa è una gran bella notizia per la Città e l’Università.
Risposte concrete, però, ad oggi non ci sono e i fatti dimostrano che la soluzione sbandierata dal Vice Presidente De Matteis è stata solo una grande bufala, solo misera propaganda.

Da mesi l’Udu ha avanzato la proposta di destinare temporaneamente gli alloggi della Scuola della Guardia di Finanza agli studenti per tamponare in maniera significativa il problema abitativo. Questa proposta rimane ad oggi l’unica soluzione possibile per rispondere alle richieste degli universitari.

Ora la Regione Abruzzo e la Protezione Civile devono dire cosa intendano fare per le migliaia di studenti che hanno richiesto un alloggio, per tutti gli altri che abitavano in case di classe A, B, C e per i neo-immatricolati.
E’ il momento delle risposte concrete. Gli universitari sono stufi e sconcertati nel veder utilizzata la mancanza di alloggi per speculazioni o squallida propaganda.

I commenti sono chiusi