Udu: la Regione Abruzzo risponda alle 10 domande sulla Casa dello Studente della Lombardia

Pubblicato il 24 novembre 2009 | Autore: | Categoria: In evidenza, Primo Piano


Scarica e diffondi le 10 domande!

L’Udu chiede alla Regione Abruzzo di rispondere a 10 domande sulla gestione della Casa dello Studente costruita con i fondi pubblici della Regione Lombardia.
Gli studenti chiedono al Presidente Gianni Chiodi e all’intera Giunta con quali motivazioni e su quali basi giuridiche sia stata adottata la delibera del 2 novembre scorso con la quale si affida la gestione della suddetta casa dello studente alla Curia dell’Aquila. Tale delibera, infatti, viola palesemente l’Accordo di Programma del 16 giugno sottoscritto da Regione Abruzzo, Lombardia, Dipartimento Protezione Civile, Provincia, Comune dell’Aquila e l’Arcidiocesi.
Nell’Accordo di Programma stipulato tra le parti si stabilisce in modo inequivocabile che lo studentato in questione debba essere gestito “dalla Regione Abruzzo o da sue articolazioni“, nel rispetto della normativa vigente sul diritto allo studio. Nonostante ciò non vi è traccia nè di avvisi pubblici, nè di graduatorie pubbliche che rendano noti a tutti i criteri di assegnazione dei posti letto disponibili. Questa mancanza risulta gravissima considerando che sono in attesa di un alloggio centaia di studenti risultati idonei non beneficiari, rispondendo al bando emesso dall’ADSU per l’assegnazione delle residenze della Reiss Romoli.
L’Udu, pertanto, chiede al Presidente Chiodi e all’Assessore Gatti di rispondere pubblicamente alle domande poste dagli studenti, per fare chiarezza sulla gestione della Casa dello Studente costruita dalla Regione Lombardia.

3 commenti
Lascia un commento »

  1. Chiari e diretti direi.
    Domande semplici, alle quali continuare a non rispondere e far finta di niente non fa che aumentare le certezze dell’abuso d’ufficio.

  2. Salve a tutti. la questione della casa dello Studente della regione Lombardia è davvero scandalosa. Credo che sia un dovere di TUTTI mobilitarsi per far si che si faccia chiarezza e luce sulla vicenda.
    Poichè molto spesso noi studenti non veniamo ascoltati quando chiediamo spiegazioni ai politici in merito alle loro scelte che  prendono e che a volte sembrano studiate apposta per favorire una piccola cerchia di privilegiati, ho pensato: perchè nn rivolgerci a qualcuno che ha una maggiore visibilità? E a questo punto mi è venuta in mente STRISCIA LA NOTIZIA, che segue questo genere di SCANDALI e che ha una visibitità davvero notevole(è sempre stato uno dei programmi più seguiti dagli italiani). Inoltre come tutti sapete, QUELLO CHE DA PIÙ FASTIDIO a chi fa un’azione non proprio trasparente, come l’affidamento della casa alla Curia, è il fatto CHE TUTTI SAPPIANO CHE LE LORO DECISIONI SIANO QUANTOMENO DUBBIE. Ragazzi, prendete in considerazione la mia proposta vi prego. sono sicuro che ci sarà un fiume di gente disposta a “mettere la faccia” per spiegare come stanno le cose e per dare sostegno ai nostri rappresentanti udu.
    Parlatene, e nel caso la cosa vi interessi magari aiutatemi a diffondere la voce e ditemi a chi dell’Udu eventualmente devo portare questa mia proposta. grazie.

  3. […] al centro di polemiche giudiziarie; “Per di più, è stata data in gestione alla Curia per cui quei posti letto non vengono assegnati in base alle graduatorie pubbliche dell’Adsu (Azienda per il diritto agli studi universitari)”, afferma Michele Di Biase. A […]