Polo Bazzano, ultimissime

Pubblicato il 27 gennaio 2010 | Autore: | Categoria: Lettere e Filosofia

Ebbene siamo qui, in quel di Bazzano, noi di Lettere e Filosofia. Da subito dopo il sisma è cominciato il toto-sede: Capestrano? Sulmona? E chissà cos’ altro, fin quando si è giunti alla decisione di tenere tutte le sedi dell’ateneo a L’Aquila, com’è giusto, legittimo ed ovvio che sia!

Per qualche motivo che ci resta ancora difficile capire noi letterati siamo finiti a L’Aquila est mentre tutto il resto dei poli universitari, come noto, sono nella parte opposta della città (a dividerci e niente meno che un’ora di autobus!). Peccato non si sia voluto – o potuto – sistemare la nostra Facoltà nello stesso contesto delle altre!

Sta di fatto che ora siamo qui e ci rimarremo a lungo si suppone, visto che nessuno si esprime al riguardo e tralasceremo le polemiche sull’ipotetica destinazione del Carcere Minorile di via Acquasanta! Siamo qui, ormai alla fine del primo semestre senza biblioteca, senza la possibilità di fare ricerche, di approfondire gli studi…andando a compromettere notevolmente la qualità della didattica. Più volte ci siamo mossi nell’interesse di salvare e rendere di nuovo fruibile il patrimonio librario di Camponeschi, ma ad oggi, putroppo, ci troviamo ancora a dover lamentare un simile disagio, decisamente grave per una facoltà umanistica.

Oltre ciò la struttura ex Acron è ancora sprovvista di supporti informatici, di una mensa gestita dall’ADSU, di efficienti trasporti urbani ed extraurbani, di adeguate aule studio, aule per i lettori, bacheche, pensiline e addirittura marciapiedi che permettano di raggiungere in sicurezza fermate ama e quant’ altro.

Ribadiamo che è stato un errore decentrare Lettere dal resto dell’Ateneo, ma dato che siamo qui, continuiamo a chiedere che si prendano immediati provvedimenti per attrezzare la facoltà dei servizi essenziali sopradetti.
Nel frattempo…saluti “dalla parte est del muro”!

I commenti sono chiusi