#14 NOW – Trasporti per tutti, Mense per tutti

Pubblicato il 13 novembre 2012 | Autore: | Categoria: Art. 34, Dipartimenti, Diritto allo Studio & Cittadinanza, Eventi, Senza categoria

In occasione della giornata mondiale di mobilitazione studentesca l’Udu L’Aquila ha deciso di incentrare la propria partecipazione con una serie di azioni volte ad attirare l’attenzione su
tematiche di fondamentale importanza per i servizi universitari della città dell’Aquila.

La vita di uno studente non si incentra solamente nello svolgimento della regolare attività didattica all’interno del proprio corso di laurea ma, ad esempio, anche attraverso la mobilità ed il
diritto ad usufruire di un pasto in un luogo pubblico. Trasporti e Mense sono oggi all’Aquila vere e proprie emergenze.

Per questo, è indispensabile alzare il livello di mobilitazione degli studenti per dare alle fortissime criticità su trasporti e mense la necessaria visibilità e rimettere al centro delle politiche di Regione, Comune, Adsu le politiche reali di diritto allo studio.

Questi gli orari delle azioni programmate per mercoledì 14 novembre:
Ore 13.00 – FERMATA BUS REISS ROMOLI
Ore 13.00 – MENSA ALGECO-POLIFUNZIONALE COPPITO
Ore 14.00 – PARCHEGGIO POLO UMANISTICO EX SAN-SALVATORE
Ore 17.00 – FERMATA BUS OPTIMES
Ore 17.00 – FERMATA BUS COPPITO

Per leggere e diffondere la piattaforma, scaricala in formato PDF o consultala nelle sezioni seguenti.

#14NOW – Trasporti x Tutti – Mense x Tutti

Trasporti x Tutti

La città dell’Aquila è tornata ad avere, in questi ultimi anni, un significativo numero di studenti fuori sede che vivono in città. Inoltre le residenze pubbliche, ma anche diverse realtà private collocate fuori dal centro urbano, vedono crescere il numero di studenti che fanno richiesta di un alloggio. Lo studente deve avere libertà di movimento nel raggiungere i poli universitari, ma anche nel poter vivere una vita sociale nel territorio, raggiungere luoghi di svago, incontro ed interesse culturale, questo significa “vivere” pienamente L’Aquila come città universitaria.
All’AMA quindi chiediamo che venga posto rimedio a molte problematiche che si incontrano nel raggiungere le sedi universitarie o i luoghi di aggregazione sociale e di vita universitaria come le mense o le residenze pubbliche. Al Comune e alla Regione di mettere l’Ama nelle condizioni di mezzi, uomini e risorse indispensabili per connettere la città disgregata, rendendola un pochino più una vera città e un pochino meno “urban sprawl”.

» Polo umanistico
Il polo umanistico, aperto recentemente in centro, non è adeguatamente collegato dai mezzi pubblici, anzi ha visto come soluzione il semplice dirottamento di corse che già passavano per croce rossa. È necessario quindi che venga istituita una corsa “ad hoc” per gli studenti universitari del polo centro sopratutto nella fascia oraria del pranzo poiché, non essendoci attualmente una mensa in centro, gli studenti possano raggiungere la mensa dell’ADSU presso la Campomizzi usufruendo di un diritto sacrosanto per tutti, pasti in alcuni casi già pagati in quota borsa di studio. Diverse sono le criticità relative ai costi dell’abbonamento, a quelli per le tariffe orarie, ed alla frequenza dei mezzi dell’AMA.

» Ingegneria
Non si può rischiare che al “ritorno a Roio” non corrispondano servizi adeguati. Le comunicazioni avute con l’Ama non lasciano tranquilli, a causa delle ristrettezza dell’Ama in termini di mezzi, uomini e risorse. Noi chiediamo che il polo di Roio sia fornito di una copertura di autobus non inferiore a quella esistente prima del sisma.

» Sicurezza delle fermate
Le fermate universitarie devono essere adeguate alla grande quantità di studenti che vi si riversano. Esistono ancora fermate di grande importanza, come il caso della reiss romoli, senza alcuna pensilina e altre fermate che, tra fermata, viabilità e illuminazione, sono ben al di sotto degli standard di sicurezza necessari (Optimes, Polo Coppito).

» Biglietti, abbonamenti e coincidenze
Chiediamo all’AMA che venga prolungato la durata del biglietto a tempo da un ora e trenta a due ore non ritoccando il prezzo; chiediamo che venga istituito in abbonamento universitario “vero” che vada dal primo di settembre al 30 luglio prevedendo una tariffa agevolata; chiediamo inoltre l’attivazione di un abbonamento mensile universitario che preveda la decorrenza dal giorno dell’acquisto al trentesimo giorno successivo.
Chiediamo alla Regione di istituire un biglietto unico giornaliero come è già in uso in molte regioni sopratutto dove sono presenti città universitarie permettendo di potersi muovere sia con i mezzi regionali che quelli urbani usufruendo dello stesso biglietto.
Chiediamo inoltre all’Ama di coordinare sia con l’Arpa, che con le Ferrovie dello Stato, i suoi servizi, sia nei giorni feriali che nei giorni festivi. Il rientro in città la domenica sera è sempre un’avventura per gli studenti pendolari, avventura non prorogabile anche alla stagione invernale.

» Trasporto notturno
Abbiamo chiesto più volte la riattivazione del trasporto notturno, in particolare il Giovedi sera, con la copertura di 2 partenze dalla Fontana Luminosa verso Ovest e almeno 1 partenza
notturna dalla Fontana Luminosa verso Est. Chiediamo ad Ama e Comune la massima sollecitudine nel far ripartire il servizio.

» Trasporti dedicati
Siamo ormai arrivati a metà Novembre, è da fine Luglio che abbiamo lanciato l’allarme sui trasporti dedicati e che il Ministero, competente a seguito della chiusura dell’emergenza nel delineare l’uso futuro delle risorse residue, rinvia di mese in mese gli atti necessari. La situazione ormai, tra anno accademico che procede inesorabilmente e procedure ancora tutte da mettere in cantiere, è totalmente sfuggita ad una logica di buona amministrazione delle risorse. L’annuncio del ministro peraltro, ormai di un mese fa, ha provocato un vero stallo tra gli studenti, che, in attesa dell’attivazione del trasporto dedicato, non hanno neanche optato per gli abbonamenti extraurbani.
Chiediamo al Ministro Barca e alla Regione di uscire immediatamente dall’impasse.

Mense x Tutti

» Mensa Polo Umanistico
Nel mese scorso abbiamo visto l’inaugurazione del nuovo polo universitario presso l’ex San Salvatore, questa inaugurazione, importantissima per la città, ha segnato il ritorno dell’università in centro storico. Tuttavia Regione, Comune, Adsu e Ama non hanno garantito gli adeguati servizi e il nuovo polo universitario manca di servizi basilari per la popolazione studentesca, quali una mensa e dei trasporti adeguati. Il disagio è tale che in pochi giorni quasi 500 studenti hanno già firmato la petizione per il servizio mensa in centro storico.
La nostra mobilitazione è indispensabile per spingere chi di dovere ad adoperarsi per trovare una soluzione condivisa a questi problemi e non lasciare un polo così importante senza dei
servizi pubblici che possano essere una garanzia di diritto allo studio per gli studenti.

» Mensa Coppito
Il polo di Coppito è stato sempre un punto nevralgico dell’Ateneo. Tuttavia bisogna ricordare che qui giace ancora abbandonato il polifunzionale dove una volta risiedevano mensa, bar, sala studio e sala ricreativa. La struttura ALGECO presente nel parcheggio adiacente al centro polifunzionale ha finora sostituito il servizio mensa che prima era effettuato dall’edificio dell’ADSU. Ad oggi non è più possibile continuare a servirsi della sola struttura ALGECO, troppo piccola e precaria. E’ necessario recuperare tutti gli spazi che possano garantire un servizio adatto al numero di studenti presenti nei diversi poli. La Regione deve quindi destinare la somme necessarie per il recupero del plesso polifunzionale.
Chiediamo quindi alla Regione ed all’ADSU di provvedere immediatamente ad un progetto di riqualificazione del centro polifunzionale di Coppito, di creare un progetto per individuare un locale idoneo per la mensa al centro de l’Aquila insieme al Comune.

» Mensa Roio
Regione e Adsu devono iniziare il più presto possibile i lavori per la ristrutturazione della mensa di Roio. Naturalmente nel caso di Roio, dove gli interventi necessari non sono particolarmente lunghi, sarebbe insostenibile l’idea di un rientro delle attività didattiche a Monteluco senza, a quasi 4 anni di distanza, che questi lavori siano stati conclusi.

» Raggiungibilità mensa serale
Negli orari serali la situazione è insostenibile. La sola mensa di Campomizzi è aperta e la raggiungibilità della stessa nell’orario di cena è bassissima sia dalla zona est della città (Gignano, Torretta, Torrione, San Francesco), sia dalla zona ovest (Residenza Reiss Romoli, Coppito, New Campus preturo). E’ indispensabile individuare soluzioni connesse tra “mense aperte” e “trasporti specifici” nelle fasce serali, tenendo anche conto della reale “capacità” di accoglienza della mensa di Campomizzi.
Anche per il futuro della città va individuata una mensa in centro, utilizzabile sia per il polo umanistico di giorno, che per tutti gli studenti nell’orario serale e va contestualmente attivato un bus-mensa che permetta di connettere le aree a forte presenza studentesca (Preturo, Reiss, Coppito, Pettino) al servizio mensa di Campomizzi o in alternativa attivata in orario serale la struttura di Coppito garantendo un servizio di trasporto con almeno il New Campus.

I commenti sono chiusi