Univaq, banchetto Arcigay e Udu per la giornata internazionale contro l’HIV

Pubblicato il 30 novembre 2015 | Autore: | Categoria: Comunicati Stampa, In evidenza, Primo Piano, Senza categoria

Oggi, 1 Dicembre, in occasione della “Giornata internazionale di prevenzione contro l’HIV“,

l’Udu L’Aquila insieme all’Arcigay “M.Consoli” terrà un banchetto informativo presso l’Università degli studi, nell’atrio dell’edificio di Coppito 1 a partire dalle 11.

Di seguito il comunicato firmato a nome delle due associazioni:

Sulla scia della campagna nazionale di Arcigay “Hiv positivo o negativo? L’unica differenza è saperlo”, l’Arcigay cittadino intende continuare a intensificare i rapporti con gli studenti di ogni ordine e grado anche grazie alle realtà studentesche che operano in tali ambiti, tra cui l’Udu, con cui da oltre un anno sono in corso diversi progetti mirati a migliorare la vivibilità delle persone Lgbti, e tra cui va ricordato il “doppio libretto” per le persone transessuali, ormai approvato, ma di cui si attende la divulgazione delle linee guida.

L’Hiv è un virus che si contrae soprattutto per via sessuale, sia nei rapporti omosessuali che eterosessuali e che porta chi ne è affetto ad ammalarsi diAids.

Benché attualmente i farmaci cosiddetti “retrovirali”, permettano a un sieropositivo di condurre un’esistenza normalissima e di tenere sotto controllo la carica virale, a oggi non esiste ancora una vaccino contro l’Hiv, che resta quindi tendenzialmente mortale per chi non sa di esserne affetto e non usa il condom, esponendo anche il partner al rischio.

Come sottolinea il Presidente di Arcigay L’Aquila, Leonardo Dongiovanni, “si tratta di un morbo contro cui non bisogna mai abbassare la guardia e che ha conseguenze impattanti anche a L’Aquila e in provincia, in cui negli ultimi tempi i soli casi registrati dall’associazione, sono in aumento”.

“Auspichiamo – ribadisce Dongiovanni – che nel rispetto della circolare del Miur di settembre, le scuole e le università si dotino di tutti gli strumenti necessari affinché i giovani vengano educati in ambienti predisposti a fornire loro tutte le conoscenze per vivere la sessualità in modo libero e scevro da pregiudizi di qualsiasi tipo, ma soprattutto sicuro e consapevole”.

10262228_494708747324340_1618494143454637363_n

10731021_395176477297108_6605999601486675824_n
  AmEo4ER67lHC07nrf_ePh3GqgqR66yf3gZRmSmcc5G7N
AtLWA3lKp-JjiS5LjkZn8gwCz4yrqEXH6RwypeAYOfK_ (1)

I commenti sono chiusi